SAB 12 OTT ore 19 e 21 – CIVICO PLANETARIO DI MILANO U. HOEPLI

PHASE DUO + CRISTINA CRIPPI E FABIO PERI [IT]

UNIVERSAL PHASE

0
UP 1
UP 2
UP 3
UP 4
UP 5
UP 6
UP 7
UP 9
UP 10
UP 11
UP 13
UP 14
UP 15
UP 16
UP 17
UP 18
UP 19
UP 21

Phase Duo sono Eloisa Manera (violinista e compositrice) e Stefano Greco (producer, sound designer e dj), amanti della minimal e fortemente influenzati da compositori quali Steve Reich (da qui anche il nome Phase Duo). Dopo un paio d’anni di concerti e sperimentazioni in studio, il duo trova un proprio linguaggio di natura elettroacustica, che mette in comunicazione i mondi musicali delle due personalità che lo compongono. Il concerto viene presentato in una forma appositamente studiata per il Civico Planetario di Milano Ulrico Hoepli da Fabio Peri, suo curatore scientifico, e Cristina Crippi, artista visuale.
Universal Phase è un dialogo tra musica, astronomia e suggestioni visive sulla volta planetaria, alla scoperta di un universo, di un suono, che continuamente cambia, ma che potrebbe concludersi con un nuovo inizio.

Progetto speciale realizzato in collaborazione con Gioventù Musicale

PRIMA ASSOLUTA
regia Cristina Crippi e Fabio Peri musica Phase Duo (Eloisa Manera/violino, Stefano Greco/elettronica e monochord) planetario Fabio Peri visuals Cristina Crippi con la collaborazione di Fabio Volpi testi di Fabio Peri letti da Claudio Moneta coproduzione Teatro delle Moire/Danae Festival e Musicarmorfosi con il sostegno di IntercettAzioni – Centro di Residenza Artistica della Lombardia (un progetto di Circuito CLAPS e Teatro delle Moire, Industria Scenica, Milano Musica, ZONA K)

durata 1 ora

* I biglietti sono acquistabili presso Gioventù Musicale d’Italia in via Santa Croce 4 – Parco delle Basiliche (lun – ven 9.30 – 18 / citofono 8 / pagamento solo in contanti), o il giorno dello spettacolo presso il Planetario a partire dalle 17.30. 

Eloisa Manera, violinista, compositrice e improvvisatrice, proviene dal mondo della musica classica, ha suonato con Mario Brunello e Herbie Hancock. Il mensile Musica Jazz l’ha inserita nella shortlist delle 10 donne che stanno cambiando il Jazz.
Stefano Greco proviene dall’ambiente elettronico milanese con una passione sfrenata per i poliritmi, l’Africa e Mussorgsky. Hanno cominciato a suonare insieme nell’alveo del collettivo di musicisti di Musicamorfosi mescolando le loro differenti storie e background artistici.
Il loro primo progetto è un mix o meglio un live remix di minimal music da Steve Reich e Terry Riley che li ha condotti a scrivere e sperimentare tra live e elettronica brani originali e minimali Raga indiani. Partendo dall’interpretazione live di alcuni compositori americani del nostro secolo (Reich e Riley) e dalla sperimentazione improvvisativa, l’incontro di questi musicisti ha dato vita ad un duo dove entrambi sono ugualmente protagonisti nella realizzazione di brani appositamente composti per questo progetto.
Cristina Crippi, filmmaker e art director, lavora con le immagini foto-video nella forma di reportage e di progetti filmici che sviluppano una poetica di osservazione ed emozione a partire dal racconto del reale, con particolare attenzione alla cura fotografica delle immagini e all’uso della musica.Sperimenta e ricerca linguaggi visivi ibridi e poliedrici, progetti filmici,musicali, performativi e teatrali site-specifics. Dopo e durante la formazione accademica inNuove Tecnologie per l’Arte e in Cinema Documentario, collabora con realtà eterogenee: musicali (Musicamorfosi Associazione), televisive (Mediaset, Italia 1), aziendali, teatrali (Teatro FrancoParenti di Milano, Napoli Teatro Festival, Teatro delle Moire).
Fabio Peri, dopo la laurea in Fisica conseguita presso l’Università degli Studi di Milano, si dedica alla Astronomia extragalattica, alla Cosmologia, collaborando con la University of British Columbia, Vancouver, Canada e con l’Osservatorio Astronomico diMilano-Brera.Dal 1999 è ilConservatore del Civico Planetario “U. Hoepli” di Milano e si occupa della conduzione scientifica dell’Istituto. È stato fondatore e presidente dell’Associazione dei Planetari Italiani (PlanIt) e membro di varie associazioni italiane ed internazionali (IPS, SAIt)., partecipando a diversi congressi di Planetari Internazionali.Ha realizzato, insieme ai Deproducers (Vittorio Cosma, Max Casacci, Gianni Maroccolo, Riccardo Sinigallia) il progetto “Planetario, musica per conferenze spaziali”, un CD e un concerto/spettacolo teatrale per scoprire i segreti dell’universo accompagnati dalle emozioni della musica.Svolge attività divulgativa attraverso conferenze e iniziative dedicate a far conoscere l’Astronomia al pubblico.

Precedente Successivo

Continuando ad usare il sito, accetti l'uso dei cookie e della nostra privacy policy. altre informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi