Sabato 12 novembre ore 17 – SHOWROOM BONOTTOEDITIONS

Annamaria Ajmone e Caned Icoda [IT]

SLIDE IN B [performance site specific]

SlideinB 1

Torna a Danae, dopo il successo della scorsa edizione e l’attribuzione del prestigioso premio Danza&Danza 2015, Annamaria Ajmone, con Slide in B, un capitolo del progetto Pratiche di abitazione temporanea, azioni costruite e vissute in spazi non convenzionali. In dialogo con la Collezione Fluxus e di Poesia Concreta, Visiva e Sonora della Fondazione Bonotto, Annamaria Ajmone collabora con l’artista Caned Icoda ad una performance all’interno della sede della BONOTTOEDITIONS. Slide in B è una durational performance che, attraverso il dialogo tra movimento e rielaborazione audio, rivisita e rivaluta gli spazi di Palazzo Durini. L’azione si crea nell’attimo e si sviluppa gradualmente, tracciando un flusso aperto e mutevole in cui il pubblico “legge e viene letto”.

 

Danza/concept Annamaria Ajmone; costumi/live audio Caned Icoda; in collaborazione con Fondazione Bonotto; produzione Cab008 con il sostegno di Regione Toscana, MiBACT.

Durata 3 ore
performance gratuita e con libero orario di accesso
L’entrata e l’uscita degli spettatori durante le tre ore della performance sono liberi; il numero di persone che potrà assistervi contemporaneamente sarà soggetto a limitazioni in base alla capienza della sala.

Annamaria Ajmone, laureata in Lettere moderne presso l’Università statale di Milano, si è diplomata come danzatrice presso la Scuola di Arte Drammatica Paolo Grassi, sotto la direzione didattica di Marinella Guatterini. Come danzatrice ha lavorato per Guilherme Bothelo (Compagnia Alias – CH). Collabora come interprete con la compagnia Ariella Vidach-Aiep (IT/CH) con Daniele Ninarello (IT), Elisabetta Consonni (IT), Santasangre (IT), Cristina Rizzo (IT). Nel 2016, è invitata a partecipare a Compagnie compagnie di Jérome Bel.
Nel 2013, realizza [In]Quiete, che vince il premio speciale del PremioEquilibrio 2014 (con la direzione di Sidi Larbi Cherkaoui); viene quindi invitata presso la GoteborgsOperans Danskompani.
Nel 2015 realizza Tiny, vincitore di “DnAppunti coreografici 2014” presentato a Dna RomaEuropa Festival e alla Biennale di Venezia 2016.
Nel 2017 debutterà Mash, una coproduzione italo-francese, spettacolo creato in collaborazione con la danzatrice e coreografa Marcela Santander.
Per la Biennale College Venezia 2015 (con la direzione di Virgilio Sieni), presenta il progetto site specif Būan. Da questa esperienza nasce l’idea di realizzare un progetto più ampio “Pratiche di abitazione temporanea”, serie di azioni costruite e vissute in spazi non teatrali. Il progetto ha fatto tappa a Milano, (Solo, Fondazione Prada, 2015) Firenze (Trigger, Palazzo Pitti e Cango, 2015), Parigi (Innesti, Italiano di Cultura di Parigi 2015), Los Angeles, (De La, Night Gallery, 2016), Reggio Emilia (Antala, Musei Civici, 2016). Dal 2014 collabora con la videomaker Giovanna Cicciari, ad un progetto di ricerca tra l’immagine in movimento e la danza, Radura.
Vince il premio Danza&Danza2015 come “interprete emergente-contemporaneo”.

www.annamariaajmone.com

Caned Icoda è un artista multidisciplinare attivo in ambito musicale (con l’alias di Ottaven), performativo e in quello del design e della moda. Ha sviluppato un universo autoriale ricco, cangiante ma sempre immediatamente riconoscibile. Figura di snodo nel passaggio e la circuitazione in Italia di molteplici correnti di ricerche artistiche, stilistiche e musicali innovative e minoritarie (ricordiamo tra le altre la Piattaforma Fantastica), ha al suo attivo una vasta storia di collaborazioni con etichette produttive, spazi no profit, collettivi e singoli artisti italiani e stranieri. Dal 2003 Caned Icoda ha condotto una sua personale ricerca di linguaggio, stile e metodo, collaborando con Marsèll e Marselleria, Live Arts Week, Plusdesign Gallery, C2C, Istituto Svizzero, Le Dictateur, Nero Magazine e svariate altre situazioni più o meno istituzionali.

www.canedicoda.com

Precedente Successivo