Domenica 23 ottobre ore 17

ZONA K

Laterale #3: Triangolo Scaleno Teatro + Teatringestazione + Teatro delle Moire + Giulio Sonno

Tessere

Con chi si decide di costruire una casa? Quale forma prende la casa? E soprattutto come ci si prende cura della casa?
Grazie alla mediazione di Giulio Sonno, dramaturg e consulente artistico, abbiamo avviato una pratica di tessitura condivisa di immaginari politico-poetici e anche di confronto critico sulle smagliature del sistema teatrale, con altre due realtà artistiche e curatoriali: il festival Teatri di Vetro di Triangolo Scaleno di Roma e Altofest di Teatringestazione di Napoli.
Proviamo ad aprire all’esterno questo percorso con la comune esigenza di trasformazione, di uscire dalle convenzioni, perché queste non ci animano più. Perché creano barriere, distanze, allontanamenti.
Ci mettiamo “in gioco” con gli spettatori e le spettatrici in un cerchio, liberi/e di fare o non fare. E andremo a comporre una mappa di parole, segni, ritagli in un “collage” collettivo, con la complicità della visual artist Ilaria Garzillo.
Ci troviamo tutti/e ad agire in uno spazio di invenzione, riuniti/e per esplorare. La casa va costruita assieme. Ci raccogliamo, riducendo le distanze, con i nostri tentativi e fallimenti davanti a un foglio bianco che è tutto da comporre.
(Teatro delle Moire/Danae Festival)

con Roberta Nicolai – Triangolo Scaleno Teatro/Festival Teatri di Vetro, Anna Gesualdi e Giovanni Trono – Teatringestazione/Altofest, Alessandra De Santis e Attilio Nicoli Cristiani – Teatro delle Moire/Danae Festival, Giulio Sonno
visual thinking Ilaria Garzillo

DURATA            60 minuti
INGRESSO        5€

Triangolo Scaleno Teatro è la fucina creativa del Teatri di Vetro Festival e di progetti artistici,  interdisciplinari e di divulgazione scientifica, che rispondono ad una pluralità di istanze teoriche, pratiche e di politica culturale. La direzione artistica è di Roberta
Nicolai. Teatri di Vetro è un progetto curatoriale che tramite il confronto tra la direzione artistica e gli artisti interroga la creazione scenica contemporanea per restituirla non più soltanto come opera, ma in una  costellazione di oggetti paralleli. Un sistema complesso e policentrico, in cui ogni sezione – Trasmissioni, Elettr@suoni, Composizioni, Oscillazioni – assolve a una funzione specifica e in cui Oscillazioni si configura come meta, il fine che “informa” il resto.
Teatringestazione è un’impresa di produzione di teatro di innovazione nell’ambito della sperimentazione, riconosciuta dal Ministero della Cultura, fondata a Napoli nel 2006 da Anna Gesualdi e Giovanni Trono. Artisti, ricercatori e curatori indipendenti, lavorano in contesti nazionali e internazionali. Si occupano di produzione, formazione, progettazione e curatela, sia in ambito artistico che in contesti socialmente svantaggiati, con una particolare attenzione ai processi condivisi. Creano opere e dispositivi a carattere ibrido, incrociando diverse discipline e ambiti di ricerca, a cui si lega sempre una componente teorica. La loro opera muove dall’esigenza di svincolare l’atto performativo dal contesto spettacolare, e di qualificare la scena come sede di una socialità sperimentale. Nel 2011 inaugurano Altofest – International Contemporary Live Arts Fest.
Il Teatro delle Moire è una compagnia fondata nel 1997 da Alessandra De Santis e Attilio Nicoli Cristiani, che si sono formati come attori e performer accanto ad una serie di artisti della scena contemporanea, tra cui Danio Manfredini, Raffaella Giordano, Monica Francia, Michele Di Stefano. Interessato ad indagare nuove forme di linguaggio della scena, il Teatro delle Moire, oltre alla produzione di spettacoli destinati alle sale teatrali, si è occupato di installazioni e performance site specific. Sul fronte della trasmissione e della formazione Il TdM pone al centro della propria ricerca l’indagine sulla presenza scenica. Dal 1999 Teatro delle Moire cura a Milano Danae Festival, progetto dedicato ai nuovi linguaggi del contemporaneo, che nel 2009 vince il Premio Hystrio. Al Festival, il TdM affianca una serie di progetti volti al sostegno della produzione artistica e alla ricerca. È partner da alcuni anni del Centro di Residenza della Lombardia IntercettAzioni. Alessandra e Attilio sono anche due “agitatori culturali” in quanto sono stati motore di azioni che hanno lo scopo di sviluppare pratiche performative inclusive e comunitarie, attraverso nuove modalità dell’agire insieme, fuori dal sistema teatrale, riconnettendo la dimensione culturale e artistica al suo contenuto politico.
Giulio Sonno, dramaturg, critico, consulente artistico, mediatore culturale dal percorso irregolare, negli anni sviluppa un approccio transdisciplinare volto alla creazione di progetti e pratiche di relazione, collaborazione e co-creazione tra artisti, curatori e direzioni artistiche.
Affianca come consulente esterno progetti teatrali e formativi, conduce laboratori  di visione e pensiero associativo, segue compagnie teatrali in fase di creazione, organizza/modera incontri e convegni, traduce in/da lingue dell’eurozona.

Laterale: percorsi, prassi, racconti tra arte e vita, innovazione dei linguaggi
Sezione nata nel 2018, nella quale invitiamo alcuni/e artisti/e a immaginare degli interventi che non abbiano forma di spettacolo, ma abbiano a che vedere con la prassi, con lo studio, col pensiero, con le loro ossessioni o che siano la narrazione di singolari esperienze di vita in dialogo con l’arte. Sono a tutti gli effetti progetti inediti, di cui il Festival segue da vicino la realizzazione. Con questa sezione si vogliono proporre riflessioni sulla contemporaneità attraverso diverse modalità di intervento nella scena, nel tentativo di immaginare nuove possibilità di dialogo con lo spettatore, riconnettendo la dimensione culturale e artistica al suo ineluttabile contenuto politico.

Continuando ad usare il sito, accetti l'uso dei cookie e della nostra privacy policy. altre informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi